La Storia

Il villaggio Cristiano di San Lorenzo ha origini intorno all’anno 1000 

Il villaggio Cristiano di San Lorenzo ha origini intorno all’anno 1000; sorgeva in questa collinetta all'interno del Borgo sull’incrocio fra la strada che univa la maremma ad Arezzo e la via etrusca che univa Chiusi (Roma) al chianti (Firenze).

Un documento del 1040 attesta che la Chiesa di San Lorenzo extra Moenia (fuori le mura) era presente con un oratorio paeleocristiano dedicato a San Lorenzo Martire.

La chiesa è stata distrutta e ricostruita più volte.

Le terre di San Lorenzo facevano parte dei terreni dello Spedale della Scala di Siena e del quale avevano la protezione Ghibellina. Il grano ed il resto dei prodotti della campagna venivano raccolti nella Grancia all’interno del centro di Serre di Rapolano, dove oggi sorge un museo.

Durante la guerra con Firenze del XIII secolo la Chiesa fu completamente rasa al suolo e si hanno notizie, trovate presso l’archivio storico di Siena, che solo intorno al 1468 è stata ristrutturata dal pievano di Serre dopo una visita pastorale del vescovo di Arezzo che minacciò la scomunica se non fosse stata ristruttura come voleva.


La Chiesa e tutto l’oratorio di San Lorenzo ha vissuto il periodo di suo massimo splendore alla fine del XVI secolo, come narra il racconto di una visita pastorale del 1583 custodito all'interno della Chiesa.


La chiesa fu rasa al suolo totalmente nel 1944 durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale.


Oggi rivive grazie all'opera di ricostruzione dalla famiglia Bernini nel 2010.

E' stata poi consacrata il 13 Luglio 2011